SAKURA – la fragilità

estratto della mostra fotografica di Pier Ilario Benedetto.

Sakura_bozza Locandina mostra S. pietro

In Giappone la fioritura dei ciliegi (Sakura) è celebrata con una grande festa: Hanami. Circondati dai fiori, ci si dedica alla contemplazione, al rinnovamento del proprio spirito, e per farlo si scelgono i parchi, fra nuvole dei ciliegi, inebriati da un tetto di petali e dal loro profumo dolce. Ma questa meraviglia è delicata,  ruba i sensi, infonde commozione e presto scompare, come la giovinezza, lasciando un senso di malinconia. In Sakura, Pier Ilario Benedetto fotografo del bianco e nero, ha riletto la grazia nella transitorietà. Nelle sue fotografie la bianca infiorescenza placa la ruvidezza dei tronchi neri e scortecciati. È il senso di una bellezza che accoglie ogni sguardo, sotto ai cui splendori ognuno può trovare il proprio posto, la propria pace.

23 – 25 maggio 2014

Non ho Idea Caffè

strada Valle san Pietro 13, Pecetto

 

ENGLISH VERSION

A synthesis of the photographic exhibition by Pier Ilario Benedetto

 

In Japan the cherry-trees bloom (Sakura) is celebrated with a huge feast: Hanami. Surrounded by flowers, people dedicate to contemplation, to renew their own spirit, and they choose parks as ideal places, among clouds and cherry-trees, joyfully plunged into petals beds and surrounded by their sweet perfume. But this wonder is delicate, steals your senses, gives emotion and soon disappears, as youth does, by letting a sense of melancholy. In Sakura, the photograph Pier Ilario Benedetto, white and black lover, remarks and highlights the grace within transience. In his pictures the white inflorescence calms the roughness of black and peeled branches. That’s the meaning of a beauty which embraces every gaze, a beauty within whose splendours everyone can find his own place, his own peace.

From May 23rd to 25th, 2014

Non ho Idea Caffè

Strada Valle san Pietro 13, Pecetto (Turin) – ITALY