What remains after the FRINGE?

suzi fat

 

Energy, excitement, emotions…!

We would like to share with you all the review we got from Musical and Theatre, by the journalist Fiona Orr, about SONG OF THE EARTH in occasion of our participation to the Fringe Festival 2014.

 

 

Song of the Earth – Edinburgh Festival Fringe

By on Tuesday, 5 August, 2014 in Edinburgh 2014, Onstage, Review

Song of the Earth continues at the Italian Cultural Institute until 9 August.
Making its debut at the Fringe, this Italian company is housed in an almost ‘pop up’ Fringe venue in the Italian Cultural Institute – taking us to a space which is delightfully non-corporate and genuinely supporting the artist. What appears at first to be a first floor ‘drawing room’ is transformed by light, sound and performance into an oasis of artistic splendour.
This is a solo piece, delivered by Susanna Paisio: a compelling artist who holds an audience with ease. Her physical and vocal skills are magnificent, at times fragile, and at times strong; she encapsulates the vagaries of the planet we live on and our relationship with the fragile balance we struggle to maintain. We are encouraged to ‘live in sympathy with the earth’ as colour and sound wash over us from the wistful, fairy-like figure Paisio brings to us.
The blend of both Italian and English languages seems to exemplify the blending of our awareness and understanding of our relationship with the world around us. And it is clear that you don’t need to understand the Italian language to interpret the spirit and meaning of her message.
Live mixing and an electric guitar are Paisio’s only accompaniments to create the wash of sound that creates a truly magical, meditative atmosphere. I for one am a dandelion!!! Go and see if you are, too.

Fiona Orr

Gruppo del Cerchio
https://tickets.edfringe.com/whats-on/song-of-the-earth

 

Siamo lieti di condividere una traduzione del contenuto della recensione ottenuta il 5 agosto su SONG OF THE EARTH da Fiona Orr, giornalista per Musical and Theatre Review, in occasione del Fringe Festival di Edimburgo 2014

Song of the Earth continua presso l’Istituto Italiano di Cultura fino al 9 Agosto.
Il debutto al Fringe di questa compagnia italiana e’ ospitato presso una venue nuova affacciatasi quest’anno come un pop-up, ovvero presso l’Istituto Italiano di Cultura – accogliendo il pubblico in uno spazio deliziosamente non convenzionale, che ha dimostrato di supportare genuinamente gli artisti ospitati. Lo spazio che si presenta di primo acchito come un salotto, e’ trasformato da luce, suono e performance in un’oasi di splendore artistico.
Una piece con un’unica perfomer, Susanna Paisio: un’artista coinvolgente ed intensa, capace di tenere in pugno il pubblico senza sforzo. Le sue abilita’ fisiche e vocali sono eccezionali, talvolta rappresentano fragilita’, talvolta forza; la performer incarna le stravaganze del pianeta in cui viviamo come anche il nostro rapporto con il suo fragile equilibrio per mantenere il quale lottiamo ogni giorno. Si viene incoraggiati a ‘vivere in empatia con la terra’ mentre suoni e colori si riversano su di noi dalla figura assorta e fiabesca, portata dalla Paisio.
Il mix di lingue, italiano (alcune canzoni)e inglese, sembra esemplificare l’incontro tra la nostra consapevolezza e la comprensione del nostro rapporto con il mondo circostante. Ed e’ chiaro che non ci sia bisogno di comprendere la lingua Italiana per interpretare il significato del messaggio che la protagonista porta.
Un mixer e una chitarra elettrica live sono l’unico accompagnamento della Paisio, per la cascata di suoni che creano una atmosfera davvero magica e meditativa. Io sono una pianta di tarassaco!!! Andate a vederlo e scoprite se lo siete anche voi.

Fiona Orr

Link to the article: http://musicaltheatrereview.com/song-of-the-earth-edinburgh-festival-fringe/