LA CONFÉRENCE DES OISEAUX

Due personaggi di eccezione, lo sceneggiatore premio Oscar Jean-Claude Carrière, storico collaboratore di Luis Buñuel e Peter Brook, e la scrittrice e orientalista Nahal Tajadod, autrice del best-seller Passaporto all’iraniana, ci trasportano con il supporto della musicista Susanna Paisio in una favola medievale che nasce dalla tradizione mistica del sufismo.
La conférence des oiseaux (La conferenza degli uccelli) composta in versi dal poeta e mistico persiano Farid Uddin Attar (1142-1220) – concittadino di Omar Kayyam, morto poco prima della sua nascita, e ispiratore del celebre Rumi – narra di come gli uccelli del mondo decisero di partire alla ricerca del mitico uccello Simurgh per farne il proprio re. Un viaggio che si trasforma in una vera e propria epopea, attraverso sette vallate che rappresentano le diverse fasi dell’evoluzione di un individuo. Fino al colpo di scena finale che fa di questo racconto variopinto e giocoso un apologo sul viaggio esistenziale che ognuno di noi è chiamato a compiere.
Da questo testo allegorico, Jean-Claude Carrière ha tratto un’opera teatrale, messa in scena da Peter Brook ad Avignone nel 1979 e poi rappresentata con grande successo in tutto il mondo. Un adattamento teatrale che oggi Carrière, accompagnato dalla moglie, la scrittrice Nahal Tajadod, e dalle musiche di Susanna Paisio, riprende in una forma più intimista e suggestiva mescolando il testo francese alla lettura di brani dell’originale persiano.
Per la versione italiana dello spettacolo il Gruppo del Cerchio ha realizzato un’apposita trama sonora in perfetta adesione col testo, avvalendosi delle sonorità di chitarra elettrica e synth.

la conference

Spettacolo in lingua francese con sopratitoli in italiano

adattamento teatrale e regia: Jean-Claude Carrière

con: Jean-Claude Carrière e Nahal Tajadod

Commento sonoro eseguito dal vivo: Susanna Paisio

Progetto sonoro: Carola Benedetto e Susanna Paisio

Luci: Igor Piumetti

Traduzione:  Luciana Ciliento

Produzione Gruppo del Cerchio in collaborazione con cinema teatro I Portici e Inmotis

 

<torna indietro