L’idea di un Amore

L’IDEA DI UN AMORE
Guido Gozzano e Amalia Guglielminetti verso la cuna del mondo

Si tratta di una originale messa in scena del libro Verso la Cuna del Mondo di Guido Gozzano sulla base del presunto viaggio in India fatto dall’autore stesso per guarire dalla tubercolosi.

All’interno dello spettacolo sono proiettati 11 cortometraggi realizzati fra l’India e il Meleto di Agliè: il materiale video proviene dalle città più belle del Rajasthan e dai luoghi descritti da Gozzano stesso (Agra, Delhi e Jaipur). Dall’India il percorso video si sposta poi in Piemonte, nei luoghi amati dal nostro poeta.

Su questo sfondo teso fra sensualità e spiritualità si anima anche un’altra figura: la scrittrice Amalia Guglielminetti, amica-amante di Gozzano, che nel Canavese visse alcuni fra i giorni più significativi e fecondi per la sua poetica rivoluzionaria. È lei l’interlocutrice scelta da Gozzano per i suoi racconti di viaggio.

Guido le racconta delle sue visioni ma, a tratti, elementi di India si materializzano sulla scena, mentre altre volte è Amalia che entra nel mondo descritto da Guido attraverso i video. Amalia diventa, o vorrebbe essere stata, il suo alter ego di viaggio, mentre il viaggio di Guido si fa, oltre che cura fisica, anche viaggio dove il suo desiderio (insoddisfacibile) di amare si accentua (ne è un esempio l’effetto sortito dal Taj Mahal).

I protagonisti passano agilmente dal Canavese a Goa, dal piroscafo al treno, dal sogno alla realtà perché, come dice Gozzano, “ Guai se non si completasse col sogno il magro piacere che la realtà concede!…” (Lettere dall’India).

L'idea di un amore

regia: Emilia Tiso

con: Susanna Paisio, Igor Piumetti

coreografie: Simona Paisio

testi: Carola Benedetto

aiuto regia: Alessandro De Salvo

scenografie: Domenico De Maio

costumi: Monica Digiacomoantonio e Luciana Ciliento

regia video: Carola Benedetto

montaggio: Rosanna Leanza

<torna indietro